Blog: http://lapiuma.ilcannocchiale.it

The night before

Cosa volere di più: buon cibo e ottima compagnia.

Tante cose da raccontarsi, in uno scambio fatto di reciproca intesa. Eppoi ecco che mi ritrovo con un bicchiere di pregiata grappa Berta “tre soli tre” in mano aperta per l’occasione e nell’altra un cohiba profumatissimo.

A seguire un limoncello e una crostata fatti in casa dalla ragazza del mio amico e poi ancora grappa a volontà ma questa volta sauvignon. Appena appena sotto effetto alcolico mi è stata proposta la visione di due film particolarissimi: Koyaanisqatsi e Powaqqatsi.

Sono praticamente delle visioni, lunghe sequenze dal piglio documentaristico e senza parlato in cui la fotografia superba diventa il mezzo con cui descrivere il dinamismo degli elementi, i simboli di una umanità sfruttata e sfruttatrice, di panorami da cardiopalma e vera e propria architettura (il passaggio sul grand canyon). Denuncia ambientalista ma anche suggestioni moderniste e soprattutto tanta coscienza che il respiro del nostro pianeta segue il nostro e viceversa. Ad una umanità in rotta di collisione coincide lo sconvolgimento della natura e dei suoi millenari equilibri.

La musica di Philip Glass è allucinante nella sua ridontante precisione, in quel respiro ora meccanico ora metafisico che imprime alle scene. Non si può restare indifferenti.

E per fortuna che per tornare a casa dovevo farmi soltanto corso Francia sennò mi trovavate annodato a qualche palo della luce:-)
Ps. Tornando, mi sono fermato un pochetto a Ponte Milvio per due chiacchiere con altri amici e c'era il mondo: praticamente si parcheggiava sugli alberi...

Pubblicato il 6/9/2008 alle 14.12 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web